ads

Bollino Blu cos'è e come ottenerlo

Advertising
bollino-blu-cos-ottenerlo
Advertising
 
Il Bollino Blu non è altro che la certificazione rilasciata da un'officina autorizzata dall'amministrazione comunale territorialmente competente, che attesti il superamento del controllo dei gas di scarico da parte del veicolo su cui è apposto e che per tanto il veicolo in questione è da ritenersi in regola rispetto alle norme in merito alle emissioni inquinanti. Tale Bollino è composto da: -tagliando adesivo, da esporre in modo visibile sul parabrezza dell'auto e deve contenere obbligatoriamente la data in cui si è effettuato il controllo; -il certificato su cui sono registrati i risultati della verifica, da tenere sempre a bordo del veicolo poiché potrebbe essere richiesto in fase di controllo, a tal proposito è consigliabile conservare il tutto accuratamente per evitarne il deterioramento, se questo dovesse avvenire se ne potrebbe richiedere copia all'officina incaricata del controllo, tenuta per legge a redigere il certificato in duplice copia e rilasciarne un duplicato ove ce ne fosse bisogno. La verifica per il rilascio del Bollino Blu deve essere effettuata da tutti i veicoli, indistintamente dalla provincia di immatricolazione e dell'impianto di alimentazione, nella tempistica prevista dalla legge: -per i veicoli la cui immatricolazione è avvenuta dopo il primo gennaio 1988, in seguito alla prima verifica da sostenersi dopo 5 anni dalla immatricolazione, la stessa deve ripetersi con cadenza annua(ogni biennio verrà invece effettuata parallelamente alla revisione); -per i veicoli immatricolati invece prima di tale data, la verifica dovrà essere effettuata semestralmente. Sono invece esenti dalla verifica: -i veicoli immatricolati da meno di 4 anni; -le auto con più di 20 anni registrate regolarmente agli appositi albi come auto storiche; -le vetture con emissione di gas pari a 0, un esempio per tutti le auto a trazione elettrica. -i veicoli con targa non civile o appartenenti alle Forze Armate. La verifica consiste nel controllo dei valori del monossido di carbonio per quanto riguarda le auto a benzina, l'opacità sulle auto diesel, mentre per le auto catalizzate viene monitorato il valore lambda cioè la quantità di ossigeno che rimane nei gas di scarico. Se tali valori dovessero risultare oltre i limiti imposti dalla legge, sarà necessario eseguire la corretta manutenzione per portare i valori al giusto livello in modo tale da riuscire a superare tranquillamente la verifica che dovrà essere ripetuta. Molti non sono al corrente del decreto Ministeriale del 05/02/1996 emesso a fronte della direttiva europea 92/55 che prevede la possibilità di autorizzare il transito ai soli veicoli con emissioni entro i limiti previsti, bloccando quindi le auto sprovviste del suddetto Bollino Blu, tale limitazione viene adottata piuttosto frequentemente soprattutto nei comuni esposti ad elevato inquinamento atmosferico. I veicoli fermati nelle zone a limitazione di circolazione sprovvisti del Bollino Blu obbligatorio rischiano una sanzione pari o superiore a 78 euro. Tale normativa non deve essere considerata come una limitazione ma bisogna valutare il tutto nella giusta ottica, se non si vuole lasciare alle future generazione un mondo marcio e sull'orlo di un collasso ambientale bisogna iniziare una battaglia di sensibilizzazione.
 
 
 
 

Guarda anche