ads

Chrysler Voyager: la monovolume

Advertising
chrysler-voyager-la-monovolume
Advertising
 
Chrysler Voyager è una monovolume commercializzata dalla casa automobilistica americana a partire dal lontano 1990. Da allora ai giorni nostri sono state vendute sul mercato ben cinque successiva versioni di Chrysler Voyager, l'ultima delle quali è in commercio ormai dal 2008. Questo 2011 rappresenta però un anno di vera e propria rivoluzione. Infatti, la casa americana è stata acquistata dal Gruppo Fiat, ed assorbita sul mercato italiano dal marchio Lancia: per questo motivo, nel nostro paese, la versione 2011 della vettura viene venduta come Lancia Voyager, andando a sostituire il modello Lancia Phedra. Il principale svantaggio notato nel corso degli anni per ciò che concerne questa vettura è quello legato alla sicurezza. Infatti, Chrysler Voyager non ha avuto i riconoscimenti ottenuti invece da vetture di suo pari livello in materia di sicurezza, ed ha ottenuto solo due stelle nei severi crash test della EuroNCAP. Ciò, va detto, non significa necessariamente che l'auto non sia sicura, ma senza dubbio questo aspetto va migliorato, ed è proprio questo uno dei settori nei quali la nuova proprietà italiana sta cercando di lavorare più duramente, al fine di proporre nel più breve tempo possibile sul mercato un modello all'altezza anche da questo punto di vista. Detto questo aspetto negativo, possiamo concentrarci sulle altre caratteristiche, le quali rendono Voyager un modello sicuramente apprezzabile sotto molti aspetti. Innanzitutto la spaziosità interna: Chrysler Voyager è infatti la monovolume con il maggior spazio interno (circa 4500 litri per la versione Grand Voyager), ed è quindi adatta sia per il trasporto di materiale sia per l'uso familiare, magari per portare tutta la famiglia, bagagli compresi, in vacanza. L'efficienza della parte meccanica è un altro dei punti a favore della Voyager, con motorizzazioni davvero potenti e che possiedono un funzionamento davvero ineccepibile. Inoltre, i consumi delle varie versioni motorizzate con il propulsore turbodiesel sono abbastanza ridotti per una vettura comunque molto grande e di conseguenza pesante, e le emissioni risultano relativamente contenute. Il design è piacevole ma al contempo non così ricercato come invece può essere quello di altri modelli di pari livello, quali Citroen C8 o Renault Espace. Le linee sono abbastanza nette e spigolose e l'abitacolo è meno bombato di altri modelli. Ciò si riflette in un'aerodinamica non così eccellente come invece accade per altre vetture, cosa che fa pagare qualcosa a Chrysler Voyager in termini di prestazioni. Gli allestimenti interni risultano invece molto ben fatti e curati nei minimi dettagli, sebbene i materiali utilizzati siano di livello medio e non così ricercati come invece accade per modelli quali Porsche Cayenne o Mercedes Serie M, che comunque si collocano più nella categoria SUV che non in quella delle monovolume e per questo vengono venduti anche a prezzi più alti. I prezzi della Voyager sono infatti compresi tra i 30.000 Euro circa della 2.5 CRD ed i 40.000 Euro della 3.3 V6, abbastanza contenuti per un'auto del suo livello.
 
 
 
 

Guarda anche